Salerno – False tessere PD, indaga l’Antimafia

L’Antimafia di Salerno indagherebbe sul falso tesseramento nel PD. La notizia è riportata oggi dal Mattino e del Corriere del Mezzogiorno secondo cui, dopo lo scandalo che travolse il Pdl ora a rischiare è il Pd. Secondo i quotidiani, sulla scrivania del sostituto procuratore Vincenzo Montemurro sarebbero arrivate centinaia di tessere numerate secondo un ordine regolare e tutte firmate dall’ex segretario nazionale Pier Luigi Bersani ma lasciate rigorosamente in bianco. Gli inquirenti avanzano l’ipotesi che le tessere in bianco avrebbero poi fatto parte di falsi elenchi di iscritti in vista proprio delle primarie.
Domenica scorsa, il polverone fu lanciato dal canditato alla segreteria nazionale del PD, Cuperlo (nella foto) che avanzava l’ipotesi di brogli a Salerno per l’elezione del segretario provinciale del partito. 
Questa mattina, sempre secondo i quotidiani salernitani, sulla vicenda sono attesi in Procura il coordinatore nazionale del comitato pro Cuperlo, il toscano Patrizio Mecacci, e il coordinatore provinciale, il deputato Simone Valiante.

Lascia un Commento