SALERNO – Fallimento Amato, indagati in 12. Anche il presidente dei Commercialisti

Perquisizioni in case e uffici sono state eseguite ieri dai finanzieri della Polizia Tributaria di Salerno nell’ambito dell’inchiesta sul Crac del Pastificio Antonio Amato. Sono 12 le persone che risultano indagate per bancarotta fraudolenta e documentaria dalla Procura di Salerno. Tra loro figurano, oltre al cavaliere Giuseppe Amato e ad altri quattro componenti della famiglia, anche il presidente del consiglio nazionale dei dottori commercialisti Claudio Siciliotti e l’ex parlamentare e sottosegretario Paolo Del Mese. La “Antonio Amato e Company”, con distribuzione del prodotto in tutt’Italia e all’estero, già sponsor della Nazionale di calcio, è stata dichiarata fallita con sentenza del Tribunale di Salerno del 20 luglio scorso. Ai 12 indagati, il pubblico ministero di Salerno, Vincenzo Senatore, contesta di aver compiuto atti di dissipazione e distrazione del patrimonio aziendale e, inoltre, di aver riportato nelle scritture contabili dati non veri, tali da impedire una corretta ricostruzione del patrimonio e degli affari. Le perquisizioni che ieri hanno riguardato abitazioni private e società con sedi in Campania, Lombardia e Veneto sono state finalizzate all’acquisizione di documenti per ricostruire i pregressi rapporti tra la Antonio Amato e altre aziende e le relazioni tra gli indagati e altre persone gravitanti nell’orbita della famiglia Amato.

Lascia un Commento