SALERNO – Due casi di violenza sessuale, ad Eboli e a Scafati

Una ragazzina romena di 13 anni per mesi ha subito violenze sessuali da un suo concittadino 20enne. E’ successo ad Eboli dove ieri sera i carabinieri hanno arrestato il presunto violentatore. La ragazzina, in Italia da due anni, insieme ad un fratello più piccolo e alla madre bracciante agricola, subiva le violenze dallo scorso mese di agosto. L’incubo è finito quando la 13enne e la madre, che sapeva delle violenze ma era stata minacciata di morte dal 20enne se avesse raccontato, hanno deciso di rivolgersi ai carabinieri.

Ed un altro caso di violenza sessuale, ieri si è consumato a Scafati. I carabinieri della locale tenenza a poche ore dal fatto, avvenuto in mattinata, hanno arrestato il presunto responsabile, Pietro Ferrante, 43 anni del posto. Stando alla ricostruzione fatta dagli investigatori, l’uomo, avrebbe costretto a subire atti sessuali, una giovane donna scafatese, con insufficienza mentale medio-grave. Gli abusi si sarebbero consumati nella cantina della sua abitazione. L’arrestato è stato trasferito nel carcere di Salerno.

 

Lascia un Commento