SALERNO – De Luca chiede di difendere il porto di Napoli con i fatti

Il vice ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, interviene nuovamente in merito al Porto di Napoli affermando in una nota che “è un dovere nazionale fare di tutto perché si concretizzino i programmi d’investimento per il porto di Napoli, capaci di determinare ricadute occupazionali importanti ed il potenziamento dell’operatività dello scalo”.

Per fugare ogni dubbio sulla propria posizione ed evitare ulteriori polemiche fra Napoli e Salerno, De Luca precisa di ritenere gravissimo il ritardo che si è accumulato per la nomina del presidente dell’Autorità Portuale del capoluogo regionale. Per il vice ministro è opportuno aprire un confronto conclusivo per addivenire ad una nuova proposta, qualificata e unitaria. De Luca conferma la propria fortissima preoccupazione sui ritardi tecnico-amministrativi accumulati, sul blocco d’investimenti per centinaia di milioni e sul pericolo concreto di perdita d’ingenti finanziamenti europei. De Luca, infine, si domanda se sia possibile ragionare nel merito per superare ritardi pesanti e produrre uno sforzo unitario, in tempi eccezionalmente rapidi.

Lascia un Commento