SALERNO – Cstp, il j’accuse del sindaco De Luca ai microfoni di Radio Alfa

“In tre anni hanno fatto fallire un pezzo di storia di Salerno”. Lo ha detto il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, nella consueta trasmissione del giovedì su Radio Alfa, “S come Salerno”, dedicata per l’occasione ai servizi di trasporto pubblico salernitano. Il pezzo di storia in questione è il CSTP che è agli sgoccioli di una vita radicata nel tessuto sociale del territorio salernitano. Per De Luca, il cambio al vertice dell’azienda avvenuto tre anni fa, l’ha condannata a morte. Due i responsabili secondo il primo cittadino che, come sempre, non ha risparmiato critiche e accuse a nessuno. Da una parte la Regione Campania che ha tagliato del 35% i rimborsi del Fondo Nazionale per i Trasporti destinati al CSTP. La Regione, secondo il sindaco di Salerno, ha avuto un taglio a sua volta ma che non arriva al 35%. Dunque dove sono andati a finire i soldi arrivati dal Fondo Nazionale per i Trasporti e tolti all’azienda salernitana ? De Luca non esita nella risposta ricordando che “guarda caso” sono stati trovati 20 milioni di euro per salvare la Sepsa, azienda regionale di trasporto, e la Circumvesuviana. Secondo responsabile. La Provincia ha operato un taglio del 7% dei soldi destinati al CSTP per darli ad aziende private. “Una follia, sostiene De Luca, togliere il 42% di ossigeno, ovvero soldi, ad una società che ha circa mille dipendenti”. Discorso a parte per il differente rimborso chilometrico concesso al CSTP rispetto alle azienda napoletane. De Luca, riflettendo su questo aspetto ricorda anche le sue iniziative messe in campo nel corso della campagna elettorale regionale. “La legge è uguale per tutti e così anche i rimborsi, dice De Luca, non esiste che a Napoli si paghi di più e gli altri cittadini valgano di meno. E’ solo l’ennesimo esempio del parassitismo partenopeo che non fa bene nemmeno a Napoli perchè oscura chi lavora bene e onestamente”. Ma il j’accuse non si ferma qui. “Negli ultimi giorni ho sentito dire una serie di imbecillità dai rappresentanti della Provincia”, ha detto il sindaco. Un esempio? “L’assessore ai trasporti ha detto che il CSTP è in crisi perchè ha un milione di debiti, dice De Luca. E’ verò ma facendo i conti, si arriva esattamente ai soldi che Provincia e Regione hanno tagliato”. Ancora. “Spezzettiamo l’azienda in piccole società”. Un’altra “idiozia” per il primo cittadino di Salerno. “E’ vero che forse si risparmia, sostiene De Luca, ma con un’azienda fatta a spezzatino dove li mettiamo i mille dipendenti del Consorzio?”. Ancora a ruota libera De Luca poi ricorda che Salerno Energia e Metanauto, da mesi stanno fornendo il metano gratis agli autobus e che vanta un credito di 700mila euro. “Si può andare avanti fino alla fine della settimana ma poi anche i fornitori del metano vorranno essere pagati”. De Luca racconta poi che il comune di Salerno nelle ultime settimana ha deciso di aumentare la corresponsione per chilometro di altri 60 centesimi rimpianguando le casse aziendali. Sulla mail che nel giorno di Pasquetta sarebbe giunta al CdA del Cstp che conferma la stessa iniziativa della Provincia, dopo un’iniziale decisione opposto, De Luca precisa che “quella mail è una presa in giro ai dipendenti del Cstp perchè non è mai stata protocollata e quindi non ha alcun valore”.

Una risposta

  1. PIERO 13/04/2012

Lascia un Commento