SALERNO – Cstp, botta e risposta De Luca-Santocchio. «Delinquente». «Irresponsabile»

«A Salerno città il Cstp ha ridotto del 70 per cento le corse mentre in altre città della provincia il servizio viene garantito. Andrebbero fucilati alle spalle». Il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca,  nel corso della consueta trasmissione di Radio Alfa “S come Salerno” è nuovamente intervenuto sulla questione del trasporto pubblico e del Cstp, attaccando frontalmente anche il presidente, Mario Santocchio. «Noi – ha detto De Luca – siamo la città delle “Luci d’Artista” ma ci manca la mobilità. Avessimo avuto la metropolitana avremmo avuto altre condizioni ma scontiamo le irresponsabilità della Regione. E per il Cstp – ha continuato – ancora oggi su Salerno c’è una riduzione del 70 per cento. Sono dei delinquenti, andrebbero fucilati alle spalle. Lo dico a quelli della Provincia – ha concluso – che hanno messo quel cialtrone che ha portato al fallimento il Cstp». Al primo cittadino risponde il presidente del collegio dei liquidatori, Mario Santocchio, durante un’intervista pomeridiana sempre sulle frequenze di Radio Alfa. «Sono pronto a tutelarmi. De Luca – ha replicato Santocchio – è un menzognero. Lui è socio di maggioranza relativo del Cstp e ha le competenze per rimuovere questa situazione di ostacolo ma di disinteressa. Per lui contano solo le “Luci d’Artista” e il Crescent. Dovrebbe interessarsi dei bisogni della gente ma non lo fa. É lui – ha concluso – il vero irresponsabile ed incapace».

Lascia un Commento