SALERNO – Cresce il PDL, ma senza leader

Il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, nell’arco di poche settimane, ha visto aumentare il numero dei consiglieri comunale che vanno ad occupare gli scranni della cosiddetta opposizione. Numerosi cambi di casacca che hanno visto incrementa il gruppo che, in via teorica, dovrebbe contrapporsi alle politiche del primo cittadino e della sua maggioranza.
Appena due settimane fa erano entrati all’interno del Gruppo di Forza Italia i consiglieri Stasi e Falcone. Poi il passaggio dal centro sinistra al centro destra dei Popolari Udeur aveva trasformato il consigliere Wilma Fezza in un esponente dell’opposizione. Infine il consigliere della Margherita Lello Ciccone che ha optato per l’ennesimo cambio di casacca con l’ingresso all’interno del partito del Popolo della Libertà. 4 nuovi ingressi che si aggiungono ai “vecchi consiglieri” di opposizione: Zitarosa, Pierro, Celano e Marotta. L’Otto Volante della minoranza a Palazzo di Città, nato nel corso del tempo, potrebbe anche incrementarsi ma non ha un leader nel quale riconoscersi, un uomo o anche una donna capace di essere portavoce ed interprete di un sistema alternativo di governo della città.
E’ questo il punto cruciale della questione: in vista della nascita del PDL, all’interno del consiglio comunale di Salerno, che rappresenta una vetrina politica di assoluta importanza, chi avrà il delicato compito di guidare il gruppo dei consiglieri di opposizione? E poi: nascerà il gruppo PDL a Palazzo di Città dove, è bene ricordarlo, per precisa volontà del sindaco Vincenzo De Luca non appare neppure il simbolo ed il gruppo del Partito Democratico? Tutte domande alle quali bisogna dare una risposta in tempi brevi, anche per dimostrare che i recenti cambi di casacca non sono legati a motivi di opportunità ma a profondi convincimenti politici.

tratto da www.agendapolitica.it

Lascia un Commento