SALERNO – Crac Amato, il GUP manda 28 persone a giudizio

C’è anche il presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, Claudio Siciliotti, fra le 28 persone rinviate a giudizio ieri sera dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Salerno, Franco Attilio Orio, nell’ambito dell’inchiesta sul Crac Amato. Quattro i patteggiamenti accolti ed un rito abbreviato. Siciliotti è accusato di concorso in bancarotta fraudolenta.

L’impianto accusatorio della Procura sul crac del pastificio Amato è stato accolto dal Gup che ha rinviato a giudizio 28 indagati, tra cui figurano, oltre a Siciliotti, Roberto D’Imperio, già consigliere nazionale dei dottori commercialisti e l’ex deputato DC Paolo Del Mese. Tra i rinviati a giudizio vi sono anche Antonio Anastasio, consigliere provinciale, che assieme all’avvocato Simone Labonia, si è visto respingere la richiesta di patteggiamento. Richiesta che é stata, invece, accolta per Giuseppe Amato junior, condannato a 3 anni e 6 mesi, per il fratello Antonio, condannato a 1 anno ed 11 mesi, per lo zio Antonio condannato a 3 anni, e Mario Del Mese, condannato ad una pena di 2 anni e 10 mesi. Rito abbreviato per Carmine Acconcia. Per gli altri 28 imputati la prima udienza del processo è stata fissata all’11 febbraio 2013.

Lascia un Commento