Salerno, condannato lo zio orco della Piana del Sele

Il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Salerno, Piero Indinnimeo, ha condannato il cosiddetto “zio orco” ad una pena di 8 anni di reclusione. L’uomo, un paramedico in servizio a Roma, è accusato di aver avuto attenzioni particolari per due fratellini della Piana del Sele, figli di suo fratello. Il giudice ha applicato una condanna superiore a quella richiesta dal pm Elena Cosentino, che aveva chiesto 7 anni di carcere.

Il pedofilo fu arrestato nel settembre dello scorso anno dopo che sul suo cellulare furono trovate foto con contenuti pedopornografici e anche diverse fotografie della nipote nuda, scattate, a sua insaputa. L’uomo, secondo quanto emerso dalle indagini, aveva installato sul telefonino della nipote un’applicazione per poterla spiare. In questo modo riusciva anche a ritrarre immagini rubate della ragazzina in atteggiamenti intimi.

Lascia un Commento