SALERNO – Cirielli decaduto. La Provincia da oggi sarà amministrata da Iannone

Edmondo Cirielli non è più il presidente della Provincia di Salerno. L’ufficializzazione è giunta dal Consiglio provinciale che si è riunito questa mattina in seduta straordinaria per proclamare decaduto Cirilli a causa dell’incompatibilità tra l’incarico di palazzo Sant’Agostino e quello al Parlamento. Dopo un incontro di commiato con i dipendenti dell’Ente, nel pomeriggio, Cirielli lascerà il testimone ad Antonio Iannone, già vicepresidente dell’ente di palazzo S. Agostino ed assessore provinciale alle politiche giovanili, alla formazione professionale, diritto allo studio, allo sport. A Iannone il compito di portare a conclusione la legislatura. Non poche polemiche sono emerse da parte dell’opposizione che ha annunciato l’intenzione di adire al Tar e di considerare illegittima ogni decisione della prossima amministrazione provinciale. Laconico il commento di Iannone secondo cui l’opposizione ha libertà di pensiero e se ritiene illegittima la nuova amministrazione non può far altro che dimettersi.
Ha definito la sua esperienza a Palazzo S. Agostino, entusiasmante e particolarmente impegnativa, ma anche gratificante sul piano umano, l’ex presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli che quest’oggi ha scritto ai suoi collaboratori e dipendenti. Nella lettera Cirielli ha scritto che a palazzo Sant’Agostino ha vissuto sicuramente la parte più bella della sua vita politica. “Tutti insieme – ha scritto Cirielli ai suoi dipendenti – abbiamo dimostrato prima a noi stessi, e poi ai cittadini dei quali siamo servitori, che anche al Sud, contrariamente a quanto erroneamente si fa credere, è possibile amministrare in maniera seria e virtuosa, oltre che efficiente ed efficace".

Lascia un Commento