SALERNO – Centri di riabilitazione pronti a procrastinare la chiusura delle attività

Sono pronti a procrastinare il termine del 1 novembre i responsabili dei centri di riabilitazione della Campania, che avevano indicato questa data come termine ultimo per la dimissione di oltre 4600 pazienti e il licenziamento di circa 3mila addetti. Martedì 30 ottobre, infatti, le strutture saranno convocate in seduta congiunta dalle commissioni regionali Sanità e Politiche Sociali. «L’auspicio – ha detto  Salvatore Parisi, Presidente dell’Anffas-Onlus di Salerno e tra i portavoce del Coordinamento dei Centri – è che si possa ottenere il massimo possibile da entrambe queste iniziative. La preoccupazione e lo sconforto delle famiglie e degli operatori è alta e legittima anche perché gli appelli sembrano essere caduti nel vuoto. Questa è la parte più amara dell’intera vicenda che conferma l’inadeguatezza della politica attuale e nella sua incapacità di dare risposte alle istanze dei cittadini, specie di quelli in difficoltà».

Lascia un Commento