SALERNO – Caso Buonocore, attesa per il pomeriggio la sentenza d’Appello

E’ attesa per oggi pomeriggio la sentenza della Corte d’Appello di Salerno del processo che vede imputata l’infermiera Annarita Buonocore, per il rapimento di un neonato dal reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale di Nocera Inferiore nel giugno dello scorso anno. La donna impiegata all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove è tornata in servizio lo scorso mese di agosto, in primo grado è stata condannata a 6 anni di reclusione. Buonocore fingendosi un’addetta dell’ospedale nocerino, prelevò il piccolo Luca Cioffi dalla stanza dove era ricoverata la mamma, Annalisa Fortunato, e lo portò via. L’incubo per la neomamma durò 8-10 ore perché il piccolo fu trovato a casa dell’infermiera. Buonocore dopo qualche mese di carcere ha ottenuto i domiciliari e la possibilità di lavorare in ambiente protetto al Cardarelli. Il suo difensore, l’avvocato Aldo Di Vito, durante l’arringa di questa mattina davanti ai giudici d’Appello, ha detto che non si è trattato di sequestro ma di sottrazione di minore. E ha concluso dicendo “chi non ha pietà non merita pietà”.

Lascia un Commento