SALERNO – Camorra, aggressione ai patrimoni illeciti.

Titoli e denaro per oltre 300mila euro sono stati sequestrati da poliziotti della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile della Questura di Salerno, che hanno eseguito un decreto emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Salerno, su richiesta del questore di Salerno. Il sequestro ha riguardato l’erede del defunto Arcangelo Zito, ritenuto affiliato ai clan camorristici dell’agro nocerino–sarnese. I titoli obbligazionari e il contante per oltre 300mila euro sono ritenuti frutto d’illecite attività effettuate da Arcangelo Zito, che sarebbe il finanziatore di un traffico di stupefacenti.

La misura di prevenzione proposta dal questore di Salerno, e accolta dal locale Tribunale, costituisce l’applicazione della recente normativa antimafia che consente l’attivazione del procedimento di prevenzione patrimoniale, anche in caso di morte del soggetto ai danni del quale potrebbe essere disposta la confisca, nei confronti dei suoi successori universali

Lascia un Commento