Salerno: Bofill e il Crescent, mai vista tanta violenza nelle critiche

Mai vista tanta violenza nelle critiche. Così l’architetto Ricarco Bofill, disegnatore del Crescent a Salerno, ha definito oggi proprio da Salerno le polemiche sull’opera in corso di realizzazione in città e che è ferma per una serie di ricorsi e contro-ricorsi. Bofill è intervenuto a margine dell'incontro al Comune di Salerno: “Italia Viva. Per una carta del rinnovo urbano”. 

“Dappertutto, da Parigi al Giappone, – aggiunge l’architetto catalano – le opere emblematiche scatenano pareri controversi, animano i politici e le comunità. Questa è una cosa normale. Non so perchè si è scatenata questa polemica”. In merito al fatto che il ministero per i Beni e le Attività culturali si è costituito al Consiglio di Stato, in occasione dell'udienza sul Crescent del prossimo 11 marzo, l'architetto dice solo di ''non essere un amministrativo. Non entro – conclude Bofill – nel merito. Io, comunque, amo il ministero dei beni culturali''.

Lascia un Commento