SALERNO – Blitz dei Carabinieri. 4 arresti e 12 persone fermate

Quattro persone sono state arrestate e altre 12 fermate al termine del blitz dei carabinieri del Reparto Operativo del Comando di Salerno compiuto ieri nella città capoluogo alla ricerca degli autori di furti e rapine. Decine di militari con l’ausilio di cani antidroga hanno perquisito 12 appartamenti e controllato numerosi autoveicoli tra Salerno e Pontecagnano. Nel capoluogo sono stati passati al setaccio i quartieri di Pastena-Torrione e Mercatello nei luoghi abitati o frequentati da cittadini rumeni-slavi ed albanesi. In particolare i carabinieri del Reparto Operativo hanno fatto irruzione all’interno di tre appartamenti del centro storico di Salerno dove hanno sorpreso nel sonno 12 cittadini di nazionalità slava-rumena ed albanese senza documenti. La successiva perquisizione ha permesso ai carabinieri trovare alcune agendine con diversi numeri di telefono ed una cartina della città di Salerno. Tutti i fermati, fra i 20 ed i 28 anni, sono stati condotti in Caserma per i relativi accertamenti e per verificare se siano già coinvolti in fatti delittuosi. Le ulteriori indagini dovranno accertare se i fermati sono i responsabili di furti compiuti in abitazioni negli ultimi tempi e se sono collegati a salernitano con il compito di basisti per l’individuazione degli obiettivi successivamente da colpire.

I quattro arresti invece sono scattati per il reato di detenzione e spaccio di droga. In manette Lucia Grillo, 40 anni, e il marito Vincenzo Norcaro, di 48, entrambi di Salerno. A casa della coppia i cani antidroga dei carabinieri hanno trovato 35 grammi di cocaina divisa in dosi, pronta per lo spaccio. E nel corso dello stesso blitz a casa di un giovane incensurato salernitano, 35enne di Fratte, sono stati scoperti 33 grammi di sostanza stupefacente tutta divisa in dosi. Il quarto giovane arrestato anch’esso incensurato è stato trovato in possesso di 5 involucri di eroina e due di crack. Tutti sono stati condotti al regime degli arresti domiciliari a disposizione della Procura di Salerno.

Lascia un Commento