SALERNO – Ance e sindacati edili chiedono la proclamazione dello stato di crisi

La proclamazione dello stato di crisi del comparto delle costruzioni. È quanto chiedono al Prefetto di Salerno, l’Ance, la feneal Uil, la Filca Cisl e la Fillea Cgil di Salerno, i cui rappresentanti questa mattina hanno sottoscritto un documento-appello trasmesso al Prefetto Gerarda Maria Pantalone. Oltre alla proclamazione dello stato di crisi, i sindacati e l’Ance chiedono l’attivazione di una apposita Commissione prefettizia, aperta alle organizzazioni datoriali e sindacali del settore, che individui proposte e soluzioni concrete per la ripresa dalla crisi, al fine di evitare ulteriori fallimenti e licenziamenti. Nella lettera al Prefetto vengono elencate le principali problematiche del comparto: dai ritardati o addirittura mancati pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni al dilagare del lavoro nero; dai ribassi sempre più esagerati al fenomeno delle finte partite iva fino alle società miste che non applicano i contratti di lavoro. L’Ance e i sindacati nella lettera ricordano che ammontano a circa 120 milioni di euro i crediti vantati dalle imprese salernitane nei confronti degli enti pubblici della sola provincia di Salerno e della Regione Campania.

Lascia un Commento