Salerno, al Ruggi arriva il “bed manager”

Singolare figura professionale quella che prenderà servizio presso il Pronto Soccorso del Ruggi di Salerno.

Si tratta del bed manager. Lo scrive Salerno Sanità 

In realtà è un team, che prevede la presenza di un Dirigente Medico individuato dal Direttore Medico di Presidio come responsabile del “Bed Management e Patient Flow”, presso la DMP. 

Un “Bed Manager”. un assistente Sociale che prenderà in carico i pazienti a maggiore rischio di difficoltà di dimissione già dal momento dell’accettazione al Pronto Soccorso e/o al momento del ricovero nelle Unita’ operative. Un Collaboratore Amministrativo per le attività quotidiane di competenza. Un Dirigente Medico di Triage, il quale dovrà attivare direttamente, per i Codici Bianchi, la prenotazione in lista di attesa di DH o visita specialistica ambulatoriale a cui il paziente potrà accedere, con successiva impegnativa del proprio medico curante, evitando, così, iperafflusso al P.S. e garantendo comunque una corretta ed efficace presa in carico.

Nella sostanza il team dovrà mediare tra “richiesta” e “offerta”. Facilitare il dialogo tra diversi attori aziendali, facilitare il decongestionamento dei reparti, analizzare i nodi critici del percorso dal ricovero alla dimissione dei pazienti, monitorare i posti letto liberi, monitorare il processo di dimissione e i tempi di degenza media, valutare la tipologia di codici e di aree di intervento, sincronizzare i ricoveri in urgenza con le dimissioni e con i ricoveri programmati, monitorare le dimissioni che dovranno avvenire alle 9.30 e alle 15.30, monitorare che le dimissioni vengano fatte anche nei giorni festivi. Ma anche, monitorare il tempo di attesa al P.S. e l’appropriatezza dei ricoveri

Il “Bed Management” permette di gestire in modo efficiente ed efficace l’impiego dei posti letto, ridurre le degenze medie, dando risposte tempestive ed efficaci al paziente

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento