Salerno, al porto sequestrati 7 milioni di oggetti falsi e non sicuri

I finanzieri del Gruppo di Salerno — 2° Nucleo Operativo, operanti all’interno del porto commerciale di Salerno, in collaborazione con funzionari dell’ufficio delle Dogane, hanno scoperto e sequestrato oltre 7milioni di prodotti non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria e nazionale. 

I prodotti, di provenienza cinese, erano per lo più costituiti da materiale elettrico, elettronico e giocattoli. 

Peraltro il destinatario delle merci, cittadino cinese titolare di un’attività commerciale a Roma, ha esibito certificati di conformità rilasciati da organismi non accreditati dall’Unione Europea. L’attività di controllo ha permesso di scoprire anche i coloratissimi elastici tanto amati dai più piccoli che, a prima vista, sembravano un innocente passatempo ma in realtà potevano essere potenzialmente pericolosi e nocivi poichè contengono dei composti plastici che a contatto con la pelle possono diventare tossici e addirittura cancerogeni. 

Oltretutto, in questi piccoli elastici possono esserci anche coloranti organici non ammessi in Europa che possono trasferirsi dal braccialetto alla pelle sudata e provocare eczemi e arrossamenti. 

Nel corso dell’intervento sono stati rinvenuti altresì dei caricabatteria e degli smart watch riportanti i brand “SAMSUNG”, “APPLE” E “SMART WATCH” illecitamente riprodotti senza alcuna autorizzazione o licenza d’uso da parte dell’importatore. 

Sono in corso ulteriori accertamenti tesi a stabilire se i prodotti in sequestro rispettano la normativa posta a tutela della salute e ad accertare la genuinità delle materie prime utilizzate per la loro produzione. La merce rinvenuta è stata sottoposta a sequestro mentre il responsabile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

Lascia un Commento