SALERNO – Accordo con l’autorità portuale di Civitavecchia. L’annuncio di DE LUCA su RADIO ALFA

Trasferta romana per il sindaco di Salerno, De Luca e per il Presidente dell’Autorità portuale, Annunziata che dopo aver presentato i lavori per la realizzazione della torre che ospiterà la nuova sede dell’autorità, hanno incontrato il presidente dell’autorità portuale di Civitavecchia per studiare insieme un’intesa che metta in collegamento i due porti. L’annuncio è stato fatto in diretta su RADIO ALFA dal sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca nel corso della puntata settimanale di S come Salerno, condotto da Ersilia Gillio, in onda ogni giovedì alle 12.45.
"Il porto di Civitavecchia, ha detto De Luca, è il più dinamico d’Italia. Vi transitano ogni anno 2 milioni e 600mila turisti e abbiamo ipotizzato, attraverso il protocollo che andremo a firmare, di far spostare una parte di questi arrivi a Salerno. L’idea è quella di realizzare un unico grande luogo d’arrivo via mare tra Civitavecchia e Salerno e quindi tra Roma e l’area campana. Insomma torna l’dea originale del sistema turistico RO-SA, Roma Salerno con spostamenti di turisti anche via terra attraverso l’alta velocità. Si potrebbe ipotizzare sostanzialmente, ad esempio, che quando il porto di Civitavecchia è saturo, possa deviare gli arrivi al porto di SAlerno". Al momento il porto di Salerno può ospitare una sola nave da crociera alla volta, ma anche per questo problema è vicina una soluzione come ha annunciato lo stesso primo cittadino. "Entro un anno avremo completato l’allungamento del Molo Manfredi e questo consentirà di poter far attraccare contemporaneamente anche due navi da crociera. Oggi abbiamo la Msc e la Royal Carribean ma puntiamo anche ad attrarre la Carnival".
Il porto di Salerno si conferma ad oggi l’azienda più solida del territorio e in costante crescita ma anche il sindaco ricorda che quando il porto commerciale fu costruito alle porte della Costiera Amalfitala non tutti i salernitani furono d’accordo. "Ricordo che da ragazzo frequentavo i lidi di via Ligea che poi si sono spostati ora sulla costa orientale ma tutta la zona in questi anni è cambiata. Pensate cosa sarà per un turista straniero arrivare in nave ed essere accolti da Piazza della Libertà". De Luca ha voluto anche spiegare perchè ha più volte detto che sarà bella come S.Pietro. "Innanzitutto in Italia siamo abituati a contemplare il passato. S.Pietro, Piazza del Plebiscito…grandi monumenti non ne sono stati fatti più da secoli. Il Crescent e Piazza della Libertà cambieranno anche la percezione che i giovani salernitani avranno della loro città. Ho paragonato poi Piazza della Libertà a Piazza S.Pietro semplicemente perchè sono esattamente uguali in estenzione: 29mila mt quadri." 
E alla domanda "se i problemi dell’Italia derivano dal fatto che appunto contempliamo il passato?", De Luca risponde "dobbiamo cominciare a correre e usare la spada per sburocratizzare. Per avere un permesso ci vogliono due anni. Con questi tempi, l’Italia è destinata a morire"
 

Ascolta la puntata in Podcast

Lascia un Commento