Salerno, a 40 anni dall’uccisione di Peppino Impastato, un dibattito sulla lotta alle mafie

“Quarant’anni dopo Peppino Impastato. La lotta alle mafie e alle camorre oggi. A che punto siamo?” è il titolo dell’evento promosso dalla Fondazione Menna di Salerno, in programma il 9 novembre alle 17 presso la sede della fondazione, sul Lungomare Trieste.

L’iniziativa sarà l’occasione per parlare della lotta alle mafie e alle camorre, partendo dalla storia del giornalista Peppino Impastato, noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, e per questa ragione ucciso il 9 maggio 1978 a Cinisi, in provincia di Palermo, dove viveva.

Un tema, secondo la Fondazione Menna, scarsamente “toccato” in Italia e nella nostra Provincia: una lotta che non può essere solo delegata all’ottimo lavoro della Magistratura e delle forze di polizia, senza il supporto dello Stato ma anche di gruppi, associazioni, forze sociali e politiche duratura. Il dibattito si aprirà con la proiezione di “Munnizza”, un cortometraggio di Licio Esposito, cui seguiranno numerosi autorevoli interventi.

Lascia un Commento