SALERNO – 1 maggio, Ance proclama il D-Day per il rilanciare il settore

In occasione del Primo Maggio, l’Ance di Salerno, Associazione nazionale costruttori edili, rivolge un doveroso pensiero ai 27 imprenditori che dall’inizio dell’anno si sono tolti la vita e ai tantissimi lavoratori che hanno troncato la loro esistenza conferendo ad una dura crisi i contorni di una tragedia. Lavoratori e imprenditori in occasione del Primo Maggio devono quindi trovare, secondo l’Ance, sentimenti di profonda condivisione di fronte ad una comune crisi che investe segnatamente l’edilizia. Antonio Lombardi, presidente dell’Associazione costruttori edili di Salerno, afferma che purtroppo non è casuale che quasi la metà dei suicidi riguardi imprenditori, operai, artigiani che operano nel comparto delle costruzioni. “È necessario che lo Stato, ad ogni livello istituzionale – afferma Lombardi -assuma piena consapevolezza dell’estrema gravità del momento e adotti ogni provvedimento utile ad alleviare la crisi”. Per il presidente dei costruttori salernitani è necessario sbloccare urgentemente i pagamenti alle imprese del settore edile che con sempre maggiore frequenza sono costrette a chiudere i battenti pur a fronte di ingenti crediti. Per tutti questi motivi Ance Salerno ha proclamato il D-Day del settore edile. D sta per decreto ingiuntivo. Questa iniziativa ha lo scopo di portare in Ance Nazionale a Roma, il prossimo 15 maggio, il monitoraggio e la quantificazione della situazione creditoria delle imprese edili salernitane.

Il comparto dell’edilizia in provincia di Salerno ha subito una flessione produttive che nello scorso mese di febbraio ha segnato il –20,3% rispetto rispetto allo stesso mese dello scorso anno, aggravando un trend negativo che si protrae ormai da quattro anni. L’Ance esprime una piena adesione ed un convinto sostegno anche alle iniziative che la Feneal Uil ed il Comitato Si Sav stanno portando avanti per l’avvio dei lavori di adeguamento al raccordo autostradale Salerno-Avellino.

Lascia un Commento