SALERNITANA – I guai non vengono mai da soli

Che questo sia un momento particolare, diciamo anche delicato della storia giovane della Salernitana di Lombardi, è ormai chiaro, noto a tutti. Da una parte ci sono le chiare difficoltà tecniche, una situazione di classifica precaria, prospettive non proprio rosee; dall’altra, vicende extracalcistiche che inevitabilmente vanno a rendere ancor più cupo il quadro.
E’ di ieri la stangata inferta dal giudice sportivo alla Salernitana, una multa di 30mila euro per quanto verificatosi al termine della partita di sabato contro il Treviso. Un’ammenda pesantissima che trova pochi riscontri nel passato, accompagnata peraltro, anche da una precisa minaccia: la diffida dell’Arechi.
Il provvedimento nella sua interezza, giunge a fine stagione e sia dal punto di vista economico ma anche sotto un profilo squisitamente tecnico, non è propriamente da considerare un segnale d’aiuto da parte del Palazzo.
A questo, poi, si aggiunge il monito della Covisoc che avrebbe riscontrato, nel corso dell’ultima ispezione effettuata, qualche difetto nei voluminosi registri contabili del club, dove esisterebbe un’anomalia tra i contratti di sponsorizzazione sottoscritti e le somme effettivamente percepite.
La partita doppia, quella cui Lombardi ha spesso fatto riferimento nel corso dei suoi interventi, è entrata definitivamente nella fase calda, cruciale. Sul campo e dalla scrivania si attendono segnali importanti.

Lascia un Commento