SALERNITANA – Gli assenti e i presenti al Castellani di Empoli

Carica dovrebbe esserlo, in palla è da verificare. Di certo è incerottata e con gli uomini contati. La Salernitana che si appresta Castori a disputare l’ennesima gara-bivio della stagione è un rebus dalla difficile soluzione ma di cui si conoscono le incognite. Mancheranno all’appello del Castellani di Empoli quattro pedine di grande importanza (Fusco, Ciaramitaro, Scarpa e soprattutto Fava) ai quali bisogna aggiungere gli squalificati Ganci e Tricarico. In forte dubbio Cannarsa e Ledesma, acciaccati ma comunque provvidenzialmente in campo Kyriazis e Peccarisi. Uomini contati e modulo in qualche modo obbligato, ci sarebbe da ragionare solo sulle sfumature. Grossomodo la Salernitana che sfiderà l’Empoli rinuncerà alle tre punte per puntare tutto su un più solido, chissà quanto affidabile, “4-4-2”. Modulo nuovo per interpreti vecchi. Cambierà, ad esempio la posizione di Soligo spostato sulla destra, quella di Iunco che affiancherà Di Napoli, quella di Coppola che si accentrerà giocando al fianco di Pestrin. Questione di metri ma grossomodo lo spartito rimarrà sostanzialmente lo stesso. Chi, concretamente, potrà determinare un cambio di passo è il montenegrino Fatic che dopo la buona prova offerta a Pisa, avrà l’occasione, l’opportunità, di giocare dal primo minuto. Fatic agirà sulla sinistra, dovrà garantire copertura e supporto a Marchese ma anche rifornimenti al tandem d’attacco. In alternativa a Fatic ci sarà Roberto Merino che annusa la grande occasione. Spinto da Lombardi, agevolato dalle tante assenze, il peruviano è al momento la prima alternativa agli attaccanti e non solo; il giocatore che potrebbe permettere a Castori anche un cambio tattico in corso d’opera.

Lascia un Commento