SALERNITANA – Castori bis, diamo forza ai numeri

Sette punti in cinque partite. Pur non entusiasmando, non rubando mai la scena, il Castori bis funziona e non soltanto da un punto di vista aritmetico. Ad esempio: delle cinque partite del nuovo corso tecnico, ben tre la Salernitana le ha disputate in trasferta, due delle quali su campi di avversarie dirette nella corsa salvezza (Frosinone e Pisa) raccogliendo ben quattro punti.
La Salernitana ha tenuto bene il confronto contro tutti, non è mai stata messa sotto anche quando ha perso. Le ha prese e le ha date dimostrando, comunque, di esserci. Quella di Castori è una squadra viva, presente a se stessa, calata nella parte ed è già tanto ricordando l’assoluta piattezza dimostrata nel corso della breve e impalpabile parentesi Mutti.
Sabato la classica prova del nove. All’Arechi sfilerà il Piacenza degli ex Pioli, Ferraro, Olivi e Tulli che in classifica precede la Salernitana di un punto. Per i granata un impegno che vale tanto, tantissimo. Castori preparerà la sfida con la consueta determinazione consapevole di avere tra le mani un gruppo finalmente coeso e compatto. All’appello mancheranno gli squalificati Fatic e Peccarisi, in forse anche Ciaramitaro. In compenso però ritorneranno disponibili Coppola e Tricarico, ma anche Cardinale e Scarpa. Si ripartirà dal “4-3-3” diventato elemento imprescindibile del Castori-pensiero; i dubbi riguardano essenzialmente gli interpreti dello spartito.

Lascia un Commento