Salario minimo e parità di compensi, fra settentrione e meridione. Le riflessioni di Angelo Di Marino

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia

Salario minimo e parità di compensi, una battaglia ideologica o necessaria al paese e al Sud? Ne abbiamo parlato con Angelo Di Marino.

Il primo stipendio di un insegnante di scuola elementare è poco più di una volta e mezzo più alto della soglia di povertà calcolata dall’Istat. La verità però è che i compensi sono già differenti fra settentrione e meridione. È inutile nascondersi quindi dietro l’illusione di salari sulla carta uguali. Ciò che conta è quanto si può acquistare con quel denaro nel luogo dove si vive e lavora. Milano è la città con gli stipendi più alti. Lombardia è al top. E’ la classifica elaborata secondo il Geography Index di JobPricing che mette in fila, con una graduatoria aggiornata al 2022, città e regioni in base agli stipendi medi annui. Milano comanda con 35.724 euro. Per trovare una città del centro-sud dopo Roma bisogna scendere al 38esimo posto di L’Aquila (28.979 euro). Napoli è solo 72esima con 27.127 euro. L’ultima della fila è Ragusa, 107esima, con 23.525 euro. Tra le regioni, domina la Lombardia (32.191 euro) davanti al Trentino Alto Adige (31.501 euro). Il Meridione è rappresentato dalla Campania, 14esima con 27.015 euro di stipendio medio annuo.

Fasano Corp. S.r.l. Teggiano

A guardare bene sembra che i contratti collettivi nazionali accrescono le disuguaglianze di reddito generando allocazioni inefficienti, in particolare creando più disoccupazione nelle aree a bassa produttività. Qualche mese fa avevano fatto discutere e non poco le affermazioni a riguardo del Ministro Valditara. Stipendi più alti nelle Regioni dove il costo della vita è più alto, cioè soprattutto nel Nord Italia, e più bassi dove è più basso. Questa la proposta lanciata da Giuseppe Valditara, ministro dell’Istruzione e del Merito del governo Meloni. La Banca d’Italia, in una sua analisi del 2022, ha calcolato che la paga oraria lorda media nel Sud è più bassa del 28% rispetto a quella del Centro-Nord, nel settore privato. Questo si spiega in parte con la maggior diffusione del lavoro in nero, ma anche considerando i rapporti di lavoro regolari, la differenza restava del 17%. E se si tiene conto anche delle differenze nel tipo di settore lavorativo e nelle dimensioni delle aziende, della tipologia di lavoro e delle caratteristiche della popolazione (età, sesso e nazionalità), resta comunque una differenza del 9% nelle paghe.

A ‘parità di tutto’, quindi, un lavoratore del settore privato al Nord guadagna comunque il 9% in più di un suo equivalente al Sud. Sono questi i temi che abbiamo affrontato oggi con Angelo Di Marino,  in un  botta e risposta da riascoltare

 

Il file audio (podcast) di questa notizia è scaduto. Qualora volessi riascoltarlo, puoi inviare una richiesta comunicando il tuo Nome e la tua Email.


Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sulla privacy

Unisciti gratis al canale WhatsApp e  di Radio Alfa, per ricevere le nostre notizie in tempo reale. Ci trovi anche su Google News.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookInstagram, X e YouTube.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Lascia un Commento