Sala Consilina, sindaco infuriato dopo l’ipotesi di riapertura di due carceri in provincia di Potenza

Il sindaco di Sala Consilina è su tutte le furie per una lettera del Ministero della Giustizia circolata in questi giorni in cui si ipotizza la riapertura di due strutture carcerarie in provincia di Potenza, a poca distanza l’una dall’altra chiuse e inutilizzate da circa 30 anni.

Un’ipotesi che suona come una beffa per la città di Sala Consilina che si è vista chiudere nell’ottobre del 2015 la locale casa circondariale. Chiusura arrivata dopo la soppressione del Tribunale salese accorpato a quello di Lagonegro.

Il sindaco Francesco Cavallone in una intervista questa mattina a Radio Alfa ricorda la vicenda ed evidenza che per riaprire le due strutture penitenziarie lucane occorrerebbero fra i 6 ed i 7 milioni di euro per ottenere alla fine non più di 70-80 posti.  

Riascolta l’intervista realizzata da Antonella Citro
Francesco Cavallone su vicenda Carcere Sala Consilina

Lascia un Commento