Sala C. (SA) – Ancora aperta la questione della tratta ferrata Sicignano-Lagonegro

Anche in piena estate resta alta l’attenzione del Comitato per la riattivazione della ferrovia Sicignano-Lagonegro, che prima della pausa estiva, fa un bilancio delle proprie attività, evidenziando che la linea resta inattiva ma che non si spegne il dibattito sulla necessità della sua riattivazione. Molte le istituzioni coinvolte nella questione, che è stata portata alla ribalta nazionale. Come evidenzia il presidente Rocco Della Corte, a livello nazionale è stato fatto molto, con l’interessamento del vice-presidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella e l’apertura alla riattivazione da parte dell’Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Italiane, Mauro Moretti; ci sono state poi le due interrogazioni parlamentari dei parlamentari Tino Iannuzzi e Vincenzo Fasano. Della Corte poi ricorda che il coinvolgimento del comune di Polla, che ha sollevato la questione del passaggio a livello asfaltato, e che il Comitato si è costituito parte civile al processo di Sala Consilina per i danni causati al patrimonio ferroviario. Tramite il sindaco di Sassano, Tommaso Pellegrino, il Comitato sta lavorando all’organizzazione di un incontro con il vice-ministro ai Trasporti e sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, che potrà sostenere i cittadini della sua provincia in maniera concreta. “Sappiamo che la nostra è un’impresa difficile” – conclude il presidente del Comitato – ma non per questo ci arrendiamo, forti del sostegno di semplici cittadini e del fatto che la nostra è una sacrosanta battaglia di ecologia, civiltà e giustizia”.

Lascia un Commento