S COME SALERNO – Incompatibilità. La decisione al Consiglio. A Salerno c’è solo chi fa ammuina

Tra i temi affrontati oggi su RADIO ALFA dal sindaco di Salerno, vice Ministro, Vincenzo De Luca, ospite fisso di S come Salerno non poteva non esserci la questione "incompatibilità". L’argomento è stato anche al centro di un lungo e animato consiglio comunale nel corso del quale è stato deciso di affrontare la questione, spinosa e basata su una recente legge, per molti non molto chiara, tra un mese.
"La questione è molto chiara", afferma De Luca. Fino a qualche anno fa non c’era alcun problema. Bassolino era ministro e sindaco di Napoli. Poi è stata introdotto una norma, scritta dal legislatore in maniera non molto chiara. I due incarichi sono incompatibili". La conseguenza? Il sindaco/vice Ministro deve scegliere. "Ma, spiega ancora De Luca, se il sindaco si dimette arriva il commissario prefettizio e sostanzialmente non si fa più nulla fino a nuove elezioni. Se il Consiglio dichiara invece il sindaco decaduto, può continuare la propria attività e giungere alla conclusione della legislatura e dunque a naturali nuove elezioni". Sembra chiaro quale sia la scelta di De Luca, ma a chiederglielo ecco la risposta: "Assolutamente io non c’entro più nulla! Ho inviato una lettera al presidente del Consiglio Comunale chiedendo che affrontasse l’argomento e il Consiglio ha deciso di prendersi il tempo per approfondire i dettagli della materia anche grazie ad un docente universitario quale consulente". Ma certo dalla parole di De Luca quale destino proferisca lo si capisce. E lo si capisce quando parla della necessità di continuare con le opere intraprese per il bene di Salerno e non fermare tutto e se poi il M5S chiedere l’intervento del Viminale o di Napolitano per dirimere la questione, "ma vadano anche alle Nazioni Unite o chiedano aiuto all’esercito americano", aggiunge, "la questione è già chiara. Il problema è che a Salerno c’è gente che fa solo ammuina. Noi pensiamo alle cose serie". 
Nella puntata in onda questa mattina, come ogni giovedì alle 12,45, si è anche fatto il punto in vista della prossima stagione turistica con la stagione croceristica della Royal Carribean presentata nei giorni scorsi. L’indotto legato alla presenza dei croceristi si sta incrementando sempre di più. "Abbiamo calcolato, dice De Luca, che ogni crocerista spende in media a Salerno tra gli 80 e i 120 euro per poche ore di permanenza. E’ un grande risultato per noi che questa grande società abbia deciso di stabilire le partenza dalla città di Salerno. Molti croceristi saranno costretti a venire in città anche 36/48 ore prima e a dormire almeno una notte con le ricadute che possiamo immaginare".
De Luca ricorda anche i due articoli apparsi martedì e mercoledì scorso sul Giornale e scritti da un crocerista della Msc genovese sbarcato a Salerno e rimasto "folgorato" dalla pulizia, bellezza, cura della città e accoglienza dei salernitani rispetto ai genovesi. Accoglienza anche da parte dei commercianti spesso bacchettati proprio dal primo cittadino. De Luca ricorda gli abbi di battaglie per trasformare Salerno nello città che appare ora e, sarà la crisi, saranno le sue bacchettate, i commercianti "finalmente hanno capito" conclude il sindaco. Un riflessione che si concorda anche con la decisione di Trenitalia di aumentare il numero dei treni da e per Salerno nel periodo estivo. "E’ la conferma che Salerno ora è considerata una città turistica", sottolinea De Luca.
In conclusione di puntata, De Luca ricorda anche il premio, l’ultimo in ordine di tempo, assegnato quale prima in assoluto "best practice" per l’utilizzo dei fondi europei nella realizzazione dell’impianto di compostaggio. "Mi hanno detto i tecnici del Ministero per la coesione territoriale che hanno studiato le pratiche per il premio, ricorda De Luca, che in Italia nessuno era riuscito a realizzare un’opera così imponente ed importante da 25 milioni di euro in soli 18 mesi". Non usa il termine "miracoli salernitani", De Luca, come spesso fa nelle trasmissioni di Radio Alfa, riferendosi alle cose fatte o in corso d’opera in città, ma il tono non lascia dubbi. 
S COME SALERNO VI ASPETTA GIOVEDI’ PROSSIMO ALLE 12,45

Ascolta la puntata in Podcast          

Lascia un Commento