S come Salerno: De Luca sulla Centrale del Latte. Vogliono difendere l’orticello

Comincia con la solidarietà all'assessore Savastano e al consigliere Bernabò aggrediti ieri sera Salerno ma poi i temi si riscaldano e De Luca, ospite di S come Salerno come ogni giovedì alle 12,45 su RADIO ALFA in S COME SALERNO, si riscalda con la stessa velocità soprattutto quanto di tocca la vicenda della Centrale del Latte. Radio Alfa ha recentemente preso posizione sulla questione accompagnando e sostenendo le ragioni dei lavoratori che vogliono che la Centrale non venga venduta e per due giorni hanno manifestato, prima dinanza all'azienda e poi sotto al Comune. Alla domanda diretta sulle affermazioni dei sindacati secondo cui non c'è nessuna legge che obbliga il comune a vendere le azienda partecipate, il sindaco sbotta in un "hanno scoperto l'acqua calda". La legge non c'è ma ci sarà e dunque, come piu' volte ribadito, l'intenzione è confermata: anticipare la vendita per evitare di "svendere". E all'ulteriore nostra domanda se non fosse possibile evitare la privatizzazione e trovare altre strade visto che si tratta di un'azienda sana, l'unica che ha avuto un aumento del fatturato del 3% rispetto ad altre concorrenti, De Luca insiste col sottolineare che l'unica strada sarebbe trovare nuovi investimenti e "chi li fa gli investimenti con questi chiari di luna se non una grande azienda, vedo dice il sindaco, solo ammuina ma non ho capito niente". Per De Luca c'è la sensazione che qualcuno voglia solo difendere il proprio orticello. Insomma secondo il sindaco si starebbe piu' tranquilli a trovare una multinazionale che conserva il marchio e i posti di lavoro ma si preferisce difendere il posto pubblico, la tredicesima e la quattordicesima, conclude il sindaco.
Nel corso della puntata è stato affrontato anche il discorso relativo alla frana e De Luca risponde a chi punta il dito sulle trivellazioni in corso per Porta Ovest con un secco "l'imbecille non manca mai"! Il sindaco rende noto che nella giornata sarà approvata la deroga al pagamento del pedaggio alla barriera di Cava de Tirreni con un provvedimento valido tra le 7 e le 10 del mattino e le 16 e le 18 del pomeriggio fino al 12 marzo. 
A fine febbraio saranno poi consegnate le palazzine pronte della Cittadella Giudiziaria mentre dal Senato arriva la buona notizia dell'approvazione definitiva dell'emendamento che assegna 5 milioni di euro per la Metropolitana di Salerno. Soldi che daranno tranquillità per il proseguimento della Metro almento per i prossimi due anni poi "risolveremo con la Regione".
Chiusura sulla politica e un rapido accenno al futuro di Renzi. "E' giovane, deve stare attento ai lupi che sono qui a Roma"

Ascolta la puntata in podcast 
 

Lascia un Commento