S come Salerno: De Luca difende il Crescent e illustra la citta’ del prossimo futuro

E' una lunga ed accorata arringa difensiva del Crescent quella che il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca fa in S come Salerno, la trasmissione che da oggi va in onda su RADIO ALFA sempre alle 12,45 ma di martedì. Una costante sottolineatura dell'inserimento dell'opera di Bofill nel contesto urbano salernitano (dunque d'impatto zero rispetto all'ambiente "di cui io sono molto geloso" afferma il sindaco).
"Noi siamo impegnati in una trasformazione storica di quelle che si fanno ogni 500 anni", ribadisce il sindaco sottolineando che ora si cerca di sviluppare a Salerno l'economia del mare e la balneazione visto che finora il turismo in città ha una caratteristica invernale ("un paradosso considerando che la nostra è una città di mare") e l'economia del mare stabile significa il turismo croceristico, la nautica, la cantieristica (con il PIP di fronte al Villaggio del Sole dove saranno spostati i cantieri navali). Il tutto per portare lavoro e ricchezza per tutto l'anno.
A proposito di posti di lavoro, De Luca ricorda che il Crescent vale mille posti di lavoro e il principale obiettivo nel realizzare quest'opera era principalmente questo. 
Il sindaco di Salerno poi nel sottolineare che queste opere rappresentanto anche le porte d'ingresso alla città a Nord e a Est, illustra come sarà la città del prossimo futuro (dando per scontato che tutte le opere in primis Crescent e Piazza della Libertà saranno realizzate in tempi anche brevi). Al momento, in relazione al Crescent, non è stato ancora fissato il tavolo tecnico con la Soprintendenza, ma De Luca appare ottimista sulla soluzione dei problemi: "Non vedo problemi ambientali" e dunque è sicuro che tra persone ragionevoli si trova il modo di trovare una soluzione.
Nel corso della trasmissione De Luca è tornato a ribadire la capacità di accoglienza della città vista in occasione dello sbarco di oltre mille immigrati nei giorni scorsi al porto salernitano. Il sindaco ha anche precisato che vi sono due aspetti su cui il Comune di Salerno fonda la sua azione in tal senso:l'accoglienza ma anche il rispetto delle norme. L'amministrazione non puo' non mettersi a disposizione di chi arriva in Italia per guerre e sofferenze, ma certo non sono accettate prepotenza, delinquenza e ambulantato abusivo

Ascolta la puntata in Podcast       

Lascia un Commento