ROMA – Terremoto, regioni ancora al lavoro per censimento degli edifici

Il terremoto in Abruzzo riaccende i riflettori sulla vulnerabilità degli edifici pubblici italiani. Già nel 1999 la Protezione civile aveva realizzato un dossier che elencava i palazzi a rischio in sette regioni del centro sud particolarmente esposte, tra le quali  Campania, Basilicata e Calabria. Il censimento di vulnerabilità promosso dalla Protezione ha fatto sì che le singole Regioni abbiano avviato dei programmi di verifica e abbiamo dirottato dei fondi per intervenire sulle strutture. Ma in molti casi, in base ai dati resi noti dalle stesse amministrazioni, le mappature sono ancora in corso. In Basilicata sono in corso i controlli per giungere a una mappatura degli edifici.

Lascia un Commento