Roma – P3, Pm chiede rinvio a giudizio per 17 persone. C’è anche il sindaco di Pontecagnano

C’è anche il sindaco di Pontecagnano, Ernesto Sica, fra le 17 persone per le quali ieri la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio in quanto presunti appartenenti alla cosiddetta P3, organizzazione che puntava a condizionare il funzionamento degli organi costituzionali. Il pubblico ministero Mario Palazzi ha chiesto il processo anche per l’imprenditore Flavio Carboni, per l’ex giudice tributario Pasquale Lombardi e per l’imprenditore Arcangelo Martino.

Nel procedimento sono state stralciate, nell’ultima udienza di qualche giorno fa, le posizioni dell’ex coordinatore del Pdl, Denis Verdini, dell’ex senatore Marcello Dell’Utri e dell’ex sottosegretario Nicola Cosentino, quest’ultimo è coinvolto nell’indagine solo per il reato di diffamazione ai danni del governatore della Campania, Stefano Caldoro. Per loro il gup Elvira Tamburelli è in attesa della risposta del Parlamento sull’utilizzo di intercettazioni telefoniche che li coinvolgono. Nei confronti dei diciassette sono contestati reati che vanno dalla violazione della legge Anselmi sulle società segrete, all’associazione per delinquere finalizzata a realizzare una serie indeterminata di delitti di corruzione all’abuso d’ufficio e illecito finanziamento dei partiti, diffamazione.

Lascia un Commento