ROMA – Nel Sud, più bassa la partecipazione politica delle donne

La partecipazione politica è molto differenziata sul territorio. Il Nord-Est e il Nord-Ovest raggiungono livelli di partecipazione più alti che il resto del Paese: parla di politica almeno una volta a settimana, rispettivamente, il 44,5% e il 43,1% della popolazione, contro il 33,5% del Sud. A sostenerlo è l’Istat. Nel Sud si registra anche la percentuale più alta di coloro che non ne parlano mai (40,2%) o che non si informano mai di politica. In Campania, il 50,4% di donne non parla mai di politica. Un crescente distacco dalla politica è manifestato dai giovani e dagli anziani. infatti tra i giovani fino a 24 anni e nelle persone di 60 anni e più, specialmente se donne, che la sfiducia nella politica cresce maggiormente come motivazione per non informarsi di politica. Nell’Italia meridionale e insulare, dove l’interesse per la politica è meno diffuso, rispetto al 1999 si ha una crescita della sfiducia superiore alla media, confermata anche per la ripartizione nord-orientale, dove, pure l’interesse per la politica è più diffuso che altrove. Tra le donne, in particolare, la componente di disaffezione legata alla sfiducia presenta una dinamica più pronunciata che tra gli uomini, soprattutto al Sud, dove la quota di donne che dichiara di non informarsi di politica per sfiducia è raddoppiata dal 1999 al 2009.

Lascia un Commento