ROMA – Monsignor Scarano scrive al Papa dal Carcere

Lettera da Regina Coeli al Papa da monsignor Nunzio Scarano, 61 anni, originario di Salerno, in carcere dal 28 giugno nell’ambito dell’inchiesta sul fallito tentativo di far rientrare in Italia dalla Svizzera 20 milioni di euro riconducibili agli imprenditori campani D’Amico. Nella missiva don Nunzio afferma di non aver mai riciclato denaro sporco o rubato. Dice di voler consegnare dei documenti al Papa sulla “triste realtà amministrativa, economica e finanziaria della Santa Sede e tutti gli abusi annessi e connessi”. Il prelato salernitano spiega di aver chiesto udienza al cardinale Sodano e di aver chiesto aiuto al segretario di Giovanni Paolo II. E parla di coperture di abusi di laici da parte di alcuni cardinali.

Una risposta

  1. VINCENZO 26/07/2013

Lascia un Commento