ROMA – Mons. Scarano respinge accuse, i legali chiedono domiciliari in parrocchia

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Respinge le accuse monsignor Nunzio Scarano, il vescovo di 61 anni originario di Salerno, arrestato nell’ambito dell’inchiesta romana sullo Ior, la banca del Vaticano. Scarano è accusato di un tentativo, poi naufragato, di portare in Italia, dalla Svizzera, 20 milioni di euro. L’interrogatorio di garanzia di oggi nel carcere romano di Regina Coeli è durato quasi tre ore ed i difensori dell’alto prelato hanno chiesto gli arresti domiciliari in una parrocchia. Il gip dovrebbe decidere entro domani.
Circa l’interrogatorio, i tre legali di monsignor Scarano, pur non entrando nel merito, hanno precisato che é stato dettagliato e che il loro assistito “ha dato tutte le spiegazioni possibili, collaborando in termini di estrema lealtà e onestà, riaffermando la sua buona fede e la sua disponibilità ad essere a disposizione dell’autorità giudiziaria italiana in qualsiasi momento”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

 
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp