Roghi rifiuti nell’area industriale di Battipaglia, riunione del Tavolo Permanente in Prefettura

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Si è tenuta ieri in Prefettura a Salerno la riunione del Tavolo permanente di lavoro, istituito nell’ambito del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, a seguito dei recenti roghi avvenuti nell’area industriale di Battipaglia.

Alla riunione convocata dal Prefetto Russo erano presenti il Presidente della Provincia Strianese, il Consigliere provinciale delegato all’Ambiente, Vecchio, la sindaca di Battipaglia Francese, il Direttore Generale per i lavori pubblici e la protezione civile della Regione Campania Giulivo, e i rappresentanti di tutte le forze di Polizia, dell’ASL, dell’ARPAC, delle Associazioni di categoria e delle Organizzazioni sindacali provinciali.

In una nota della Prefettura diffusa al termine della riunione viene riferito che sono stati acquisiti interessanti spunti di riflessione per approfondire la strategia di interventi, già avviata, e decisa nel recente Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, che ha programmato una serie di azioni, tuttora in atto, grazie al sinergico lavoro degli organi di Polizia e di Vigilanza. 

Rispetto al ciclo dei rifiuti le autorizzazioni rilasciate dalla Regione e dall’Amministrazione provinciale alle aziende sono, nel complesso, circa 90, di cui 20 nel solo territorio di Battipaglia.

Un recente accordo sottoscritto in provincia, prevede l’impegno da parte dell’ente di Palazzo Sant’Agostino e della Regione con il Comune di Battipaglia a non rilasciare ulteriori autorizzazioni su quel territorio. Per questo si è avviato uno studio per una corretta distribuzione dei siti sull’intera provincia che tenga conto del volume dei rifiuti trattati e anche della densità demografica.

Le associazioni di categoria hanno fortemente evidenziato la necessità di una programmazione e di una corretta pianificazione della distribuzione delle aziende del ciclo rifiuti, in considerazione della vocazione economica dei territori a cui i piani urbanistici, se fino ad ora non ne hanno tenuto conto, devono necessariamente attenersi nell’immediato presente e nel futuro.

Un appello accorato è venuto dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali ad una maggiore attenzione nella gestione del territorio, affinché le scelte politiche siano finalizzate ad un reale e concreto sviluppo del territorio stesso.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento