Rofrano, riapre al culto la chiesa di Santa Maria dei Martiri

Domani a Rofrano sarà riaperta al culto la chiesa di Santa Maria dei Martiri, chiusa da oltre sessant’anni.

Il vescovo Ciro Miniero, alle 18, presiederà la solenne cerimonia, con il parroco padre Antonio Gagliotta, don Bruno Lancuba e don Aniello Adinolfi.

La chiesa, di origini medievali, attestata nella visita pastorale del 1583, aveva  accanto un hospitalis, ossia alcune stanze per accogliere i pellegrini e i viandanti. Ristrutturata nella forma attuale nel 1748, ha al suo interno un pregevole altare di marmo e due artistiche statue lignee della Madonna dei Martiri e dell’Immacolata. Degni di nota anche il portale in pietra e la meridiana in maioliche sul campanile. Il restauro della chiesa, iniziato nel 1985 dalla Soprintendenza, con il rifacimento della copertura e degli stucchi all’interno, è stato completato negli ultimi anni con altri fondi ottenuti grazie ad un accordo tra Diocesi e Comune. Ed ora questo grazioso gioiello architettonico ed artistico tornerà ad essere ammirato non solo dagli abitanti di Rofrano, ma anche da tutti gli appassionati di arte e di storia locale.

La riapertura della chiesa di Santa Maria dei Martiri a Rofrano si inserisce nel contesto dei solenni festeggiamenti patronali in onore della Madonna di Grottaferrata, che avranno il loro culmine nella solenne processione dell’otto settembre. Questo culto ricorda la presenza dei monaci basiliani, che costruirono sia il monastero sia il paese, ed il legame con la Badia greca di San Nilo a Grottaferrata presso Roma, da cui Rofrano dipese per circa cinque secoli

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento