Roccapiemonte (SA) – Furti al cimitero, i carabinieri arrestano i presunti responsabili

Per ben quattro volte, nel mese di agosto, avrebbero messo a segno dei furti all’interno del cimitero di Roccapiemonte, portando via portafiori in bronzo dalle lapidi e 300 metri di cavi elettrici che garantivano l’illuminazione di un’intera ala del luogo sacro. Si tratta di due giovani coniugi di Roccapiemonte che questa notte sono stati rintracciati ed arrestati dai carabinieri della Stazione di Castel San Giorgio. I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, con l’accusa di furto aggravato continuato e in concorso, nei confronti di un operaio di 31 anni e della moglie casalinga di 22 anni. emessa dal Gip del Tribunale di Nocera Inferiore. La coppia di coniugi fu sorpresa poco tempo fa nei pressi del cimitero da una pattuglia dei Carabinieri e allora i due tentarono una spericolata fuga in auto, ma furono riconosciuti e nella loro abitazione i militari trovarono una parte dei cavi di rame che assicuravano l’illuminazione dei loculi ed alcuni portafiori rubati da cappelle del cimitero.

Lascia un Commento