Ritardi per i permessi di soggiorno, protestano i migranti del Gambia alloggiati a Capaccio

Il tema immigrazione continua a tenere banco anche nel Salernitano.

Momenti di tensione si sono vissuti ieri sera al villaggio El Pueblo di Capaccio dove una ventina di profughi provenienti dal Gambia, alloggiati nel centro di prima accoglienza di Santa Venere, hanno cominciato a protestare minacciando di lasciare la struttura per raggiungere a piedi la città di Salerno.

Al centro della protesta, i notevoli ritardi della Prefettura salernitana nell’espletamento delle procedure di rilascio dei documenti di soggiorno. I migranti gambiani, infatti, sono alloggiati a Capaccio da oltre 9 mesi e ieri è stato loro comunicato che la Commissione prefettizia di valutazione dell’idoneità alla permanenza sul territorio italiano è stata fissata tra altri 5 mesi.

Una situazione insostenibile che abbiamo approfondito con il direttore regionale della Caritas, don Vincenzo Federico

 

Riascoltalo QUI

Inervista don Vincenzo Federico

Lascia un Commento