Rischio chiusura Azienda della Brianza per un pignoramento. Salvata dall’associazione STIMA di Salerno

Un’impresa della Brianza ha vinto un contenzioso fiscale di quasi 2 milioni di euro nei confronti dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione grazie all’Associazione STIMA di Salerno che riunisce piccoli e medi imprenditori di categoria del salernitano.

Con l’intervento dei suoi legali Silvana Ambrosino e Vincenzo Lamanna STIMA è riuscita a bloccare l’azione dell’Agenzia della Riscossione nei confronti di una lavanderia industriale che occupa 30 dipendenti e che avrebbe rischiato la chiusura.

Il presidente di STIMA, Angelo Aliberti, con soddisfazione evidenzia che si tratta di un importante riconoscimento giuridico che ha permesso la sopravvivenza dell’azienda brianzola che subiva un pignoramento mobiliare ed un pignoramento diretto presso terzi di circa 1 milione e  800mila euro.

In pratica veniva intimato ai clienti dell’azienda in questione di effettuare i pagamenti direttamente all’Agente della Riscossione invece che alla società titolare effettiva del credito. Ciò significava deviare tutti gli incassi verso i conti correnti dell’Agenzia Riscossione che avrebbe determinato nel tempo il fallimento della lavanderia industriale.

Il Presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Milano accogliendo il ricorso dell’Associazione STIMA ha emesso con urgenza un decreto di sospensione di tutti i pignoramenti impugnati riconoscendo l’illegittimità delle cartelle esattoriali, alcune delle quali erano anche prescritte e per altre era intervenuta la decadenza dei tributi iscritti a ruolo.

Abbiamo approfondito il caso questa mattina a Radio Alfa con l’intervento del presidente di STIMA Angelo Aliberti.

Ascolta 
Angelo Aliberti STIMA e Agenzia Entrate

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento