Rimuovere noduli tiroidei senza anestesia, interventi chirurgici e ricovero. Al Ruggi di Salerno è possibile

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

All’Azienda ospedaliera universitaria di Salerno ora è possibile rimuovere noduli tiroidei senza bisogno di anestesia, interventi chirurgici e ricovero.

Venerdì scorso presso l’Unità Operativa Complessa di Endocrinologia e Diabetologia, diretta dal Prof. Mario Vitale, sono stati eseguiti i primi tre trattamenti in day surgery. L’equipe chirurgica ha trattato i tre pazienti mediante la “termo ablazione”, una tecnica che si è sviluppata in questi ultimi anni e che ha raggiunto ottimi livelli di efficienza e sicurezza.

Senza necessità di anestesia, un ago che emette radioonde viene introdotto nel nodulo riscaldandolo fino a carbonizzarlo. Il trattamento dura circa mezz’ora, è indolore e non richiede anestesia, non lascia cicatrici, il paziente non deve rimanere ricoverato e soprattutto non si rende necessaria una terapia sostitutiva con ormoni tiroidei per tutta la vita. 

I noduli benigni della tiroide sono estremamente frequenti non necessitano di trattamenti chirurgici a meno che le loro notevoli dimensioni non producano un fastidio alla deglutizione o alla respirazione o provochino inestetismi. In questi casi, prima dell’introduzione di questa metodica, l’unica opzione disponibile era la chirurgia convenzionale con anestesia, ricovero, rischi operatori e con la necessità poi di eseguire una terapia con ormoni tiroidei tutta la vita.

In molti casi la chirurgia appare eccessiva e i pazienti rinviano il trattamento o convivono con il loro problema. Una volta stabilito con l’agoaspirato che il nodulo è benigno, il paziente e il medico valutano l’opportunità e la possibilità di eseguire la termo ablazione.

Questa tecnica non è nuova ma ha recentemente subito dei notevoli progressi legati soprattutto alle nuove tecnologie. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento