Riciclaggio aggravato, indagato pregiudicato di Cava de’ Tirreni

Agli arresti domiciliari per il reato di ricettazione ora un pregiudicato di Cava de’ Tirreni è indagato a piede libero anche per riciclaggio aggravato.

L’uomo aveva il permesso di lavorare nella sua autocarrozzeria, ma proprio durante una ispezione effettuata nell’officina da agenti della Squadra Volante del Commissariato metelliano è scattata la seconda accusa. I poliziotti hanno effettuato approfonditi controlli su alcune autovetture in fase di lavorazione. In particolare, l’attenzione degli agenti è stata richiamata da un’auto parzialmente smontata, il cui numero di targa non corrispondeva con il numero del telaio. Accertate delle modifiche alla carrozzeria e l’assenza del documento di circolazione e del targhettino identificativo della casa costruttrice. In un vano deposito creato all’interno di un soppalco dell’officina, gli agenti hanno trovato numerosi pezzi di autovetture usate ma in ottime condizioni riconducibili a diverse autovetture di svariate marche, privati dei relativi identycard e di illecita provenienza. E’ quindi scattato il sequestro penale del veicolo e dei pezzi.

L’uomo che era già stato arrestato nello scorso mese di giugno, oltre che di ricettazione ora risponde anche di riciclaggio aggravato.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento