Resto al Sud, il 5 aprile a Buonabitacolo un incontro con la BCC di Buonabitacolo per i giovani del territorio

RESTO AL SUD è l’incentivo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani nelle regioni del Mezzogiorno.

La BCC di Buonabitacolo ha attivato un percorso privilegiato per i giovani del territorio al fine di agevolare la partecipazione al bando Resto al Sud. In tale iniziativa è stata programmata una giornata di studio e confronto che si terrà giovedì 5 aprile, alle ore 16,00 presso il Centro Sociale la Cupola, a Buonabitacolo.

Previsti gli interventi del sindaco di Buonabitacolo, Giancarlo Guercio, del presidente della BCC di Buonabitacolo, Pasquale Gentile, del presidente del Forum dei Giovani del Vallo di Diano, Giuseppe Rienzo. le relazioni tecniche saranno tenute dal dott. Antonio Viglietta, referente per la BCC di Buonabitacolo del progetto Resto al Sud; da Marilena Damiani, amministratrice dell’azienda Sidel di Buonabitacolo, dal direttore generale della BCC di Buonabitacolo, Angelo De Luca. sarà l’occasione per dialogare su esempi concreti di progetti in essere candidati al bando resto al Sud. Concluderà i lavori Giuseppe Glorioso di Invitalia.

Per l’occasione sarà distribuito materiale informativo sul bando e saranno attivati incontro individuali con esperti Invitalia per ogni delucidazione.  Il regime di aiuto è gestito da Invitalia, per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e copre i costi di un’iniziativa imprenditoriale per importo massimo di € 50.000,00.

Si articola in: Un contributo a fondo perduto pari al 35% delle spese ammissibili; Un contributo a totale copertura degli interessi su finanziamento bancario di ammontare pari alla rimanente quota del 65% delle spese ammissibili. Le risorse stanziate per la misura sono pari a 1 miliardo e 250 milioni di euro, a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020 ripartite negli anni 2017-2025.

Il bando è per  giovani imprenditori di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Le spese ammissibili sono per Opere edili relative a interventi di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria nel limite massimo del 30% del programma di spesa; Macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica;  Programmi informatici e servizi per le ICT connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa: Spese relative al capitale circolante inerente l’attività di impresa nel limite massimo del 20% del programma di spesa; sono ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti. Appuntamento dunque a Buonabitacolo, giovedì 5 aprile, alle ore 16,00 presso il Centro Sociale la Cupola

Abbiamo raccolto una riflessione di Antonio Viglietta, referente per la BCC di Buonabitacolo del progetto Resto al Sud
Viglietta Resto al Sud BCC Buonabitacolo

Lascia un Commento