Regionali Campania: De Luca ‘no a padrini, crowdfunding per mia campagna’

Vincenzo De Luca, candidato alla presidenza della Regione Campania, ricorre al crowdfunding per sostenere economicamente la sua candidatura. Si tratterebbe della prima iniziativa del genere in Italia destinata a un'attività politica di rilievo. "Né padroni, né padrini, e soprattutto niente banche per finanziare la campagna, in vista delle elezioni in programma in Campania il 31 maggio", si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa dell’ex sindaco di Salerno.

Non sono ricco di famiglia – spiega De Luca – ma sono da sempre un uomo libero e intendo portare avanti la mia battaglia per la Campania senza gruppi di potere alle spalle, senza padroni né padrini”.

L'obiettivo dell'iniziativa ideata dall'incubatore di idee #CambiareOra, in collaborazione con la piattaforma di crowdfunding DeRev, è di “coinvolgere da un lato i cittadini stanchi di assistere passivamente alle logiche clientelari che governano attualmente la Campania e, dall'altro, dare vita ad una best practice internazionale".

In Italia, fino ad oggi, nessuno ha mai lanciato una campagna di crowdfunding così ambiziosa destinata ad un'attività politica, mentre in Spagna, nel mese di marzo, il partito Podemos ha realizzato con successo un primo esperimento nel corso delle regionali in Andalusia. 

Lascia un Commento