È realtà la Banca Monte Pruno – Credito Cooperativo di Fisciano, Roscigno e Laurino

E’ realtà da oggi la Banca Monte Pruno-Credito Cooperativo di Fisciano, Roscigno e Laurino, nata dalla grossa operazione di fusione per incorporazione dei due istituti di credito cooperativo.Un percorso non facile, che si è concluso con la firma ufficiale dell’atto di fusione per incorporazione del

Credito Cooperativo di Fisciano, lo scorso 27 marzo presso lo studio del Notaio Filippo Ansalone.

La Banca Monte Pruno – Credito Cooperativo di Fisciano, Roscigno e Laurino conta 120 dipendenti, circa 2.700 soci ed opera in Campania, all’interno delle Province di Salerno e di Avellino. In Basilicata, nella Provincia di Potenza. La Banca avrà, quindi, un mercato potenziale composto da una popolazione superiore alle 550mila unità.

Alcuni dei valori aggregati di bilancio, al 31 dicembre 2016, indicano un valore complessivo dell’attivo pari a circa 840 milioni di Euro, depositi totali superiori a 670 milioni di Euro, finanziamenti complessivi pari a 425 milioni di Euro, attività finanziarie per 285 milioni di Euro.

La Banca Monte Pruno ha previsto prossime aperture a Salernoe Padula, attraverso un territorio di competenza con 86 comuni, un territorio che, quindi, passa da 110.000 a 550.000 abitanti, una sede legale a Roscigno, una sede amministrativa a Sant’Arsenio, due sedi distaccate a Fisciano e Potenza, 16 filiali complessive, per un totale di 18 presidi operativi.

Siamo particolarmente soddisfatti – hanno dichiarato il PresidenteAnna Miscia ed il Direttore Generale Michele Albaneseper l’inteso lavoro portato a termine autonomamente dalla struttura in questi mesi. Abbiamo, altresì, rispettato la tabella di marcia che prevedeva la chiusura dell’operazione all’inizio del mese di aprile. E’ stata realizzata una fusione con un forte senso di responsabilità che ci porta ad incrementare le masse amministrate e ad allargare il territorio di competenza, verso aree con ottime prospettive di crescita e di sviluppo. La Banca Monte Pruno si proietta, pertanto, verso questa nuova fase con la solita attenzione verso i soci ed il territorio, volendo intensificare la sua azione di Banca Amica anche nella nuova zona di competenza, la quale avrà dalla sua parte un istituto di credito cooperativo che, da sempre, vive al fianco delle persone e delle piccole e medie imprese, ne cura gli interessi ed individua soluzioni concrete per le loro esigenze, mettendo al centro particolari valori che sono e saranno il vero segreto del nostro successo. Non sarà sicuramente facile, ma la solita umiltà ci consentirà di affrontare al meglio anche questa sfida molto ambiziosa, che ci auguriamo sia ricca di soddisfazioni per tutti noi e per il territorio”.

Una risposta

  1. Tonino Cupolo 02/04/2017

Lascia un Commento