Ragazzi africani aggrediti da coetanei salernitani, uno e’ grave

Un brutto episodio, probabilmente di intolleranza o di bullismo, quello che si è consumato l’altro ieri sera a Salerno sul Lungomare, dove dei giovani salernitani hanno aggredito e picchiato a sangue tre giovani provenienti dell’Africa che erano appena usciti dalla sede dell’Arci Salerno, dove avevano ritirato i buoni pasto e l’equipaggiamento sportivo, per partecipare al torneo di calcio “ComunGoal” in programma in questi giorni in città.

I tre ragazzi poco più che 18enni, tutti originari di paesi subsahariani, passeggiavano sul Lungomare in direzione Torrione, quando sono stati aggrediti dai balordi che erano armati anche di coltelli. Una delle vittime ha riportato gravi conseguenze ed è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. I medici ieri sera hanno dovuto operarlo alla testa. Ora è in prognosi riservata. I tre ragazzi aggrediti sono ospiti dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) di Torrione a Salerno.

Ieri pomeriggio, in ospedale anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, e l’assessore alle Politiche sociali Nino Savastano che hanno voluto manifestare la loro solidarietà ai ragazzi aggrediti.

Lascia un Commento