Questione migranti, a Salerno presidio delle associazioni per l’accoglienza. Le interviste

Questione accoglienza migranti sul territorio italiano e salernitano. Presidio questa mattina di alcune associazioni del territorio che si sono date appuntamento a Salerno per far sentire la propria voce e consegnare un documento-appello al Prefetto di Salerno dopo la vicenda Aquarius e contro le dichiarazioni del ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

A protestare la Cgil, le Acli, Migrantes, Arci, Legambiente, Anpi, Libera, la Comunità di Sant’Egidio, l’Associazione Rossetto Onlus, la Rete Radia Resch, la Claai Salerno, gli Artigiani solidali APS, Sinistra italiana Salerno e l’Associazione Oasi.

A dire la sua, per opporsi alla politica attuata dal Ministro dell’Interno Salvini, anche il Coordinamento della Festa dei Popoli, che in una nota ha affermato: “Esprimiamo la nostra grande preoccupazione per le sorti dell’Aquarius e ancor di più per i diversi “barconi” già in viaggio. Sosteniamo l’importanza di mettere al primo posto la vita umana senza distinzioni di razza, provenienza e condizione. Occorre avere uno sguardo diverso di fronte a colore che bussano alle nostre porte, che inizia da un linguaggio che non giudica e discrimina ancora prima di incontrare” questo è ciò che si legge nella nota del Coordinamento della Festa dei Popoli.

Questa mattina abbiamo raccolto il parere di Francesco Arcidiacono, presidente dell’associazione culturale e di promozione sociale, ARCI Salerno e del sindacalista CGIL, Anselmo Botte. 

Riascolta
Arcidiacono e Botte

Lascia un Commento