Protesta navigator contro il governatore De Luca. Al via lo sciopero della fame

I navigator campani annunciano l’inizio dello sciopero della fame e chiedono l’intervento del Capo dello Stato. La nuova forma di protesta prende il via domani con un presidio davanti alla sede della Regione Campania.

I navigator che hanno vinto un concorso nazionale, in Campania sono 471. Il loro compito sarà aiutare i percettori del reddito di cittadinanza alla ricerca di un lavoro. Si tratta di un incarico retribuito per la durata di 2 anni. Il governatore campano però non ha intenzione di firmare la convenzione con Anpal poiché i navigator – a suo dire – non farebbero altro che alimentare il precariato.

“La scelta di fare lo sciopero della fame – spiegano i navigator – è data dall’atteggiamento del presidente De Luca contraddicendo così fondamentali principi costituzionali: il diritto al lavoro e all’uguaglianza”. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento