Produzione dell’olio a -50%, tra i dati peggiori del decennio

Sono sempre più negativi i dati che arrivano sulla campagna olearia di quest’anno. Secondo l’indagine di ‘Italia Olivicola’ condotta nell’ultima settimana di settembre, le previsioni di produzione segnano un calo della produzione del 50%.

A livello nazionale avremo metà di prodotto rispetto allo scorso anno: 215mila tonnellate di olio rispetto alle quasi 430mila tonnellate dello scorso anno. In Campania il calo è inferiore alla media nazioale sfiorando il -40%. Le perdite maggiori in Basilicata con un -85% e in Calabria -70%. In Puglia -56% rispetto allo scorso anno, con punte anche superiori al 70%.

Ad incidere sul calo della produzione di olio, le condizioni meteorologiche altalenanti ed estreme che hanno prodotto danni considerevoli alle piante, tali da indurre a richiedere lo stato di calamità naturale nelle zone più colpite. Ma anche le emergenze fitosanitarie, dalla Xylella agli attacchi di agenti parassitari, agevolati da un’estate lunga, calda e umida.

Lascia un Commento