Produceva e confezionava abbigliamento sportivo contraffatto, sequestrato opificio a San Marzano sul Sarno

A San Marzano sul Sarno i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno sottoposto a sequestro un opificio per la  produzione e il confezionamento di capi d’abbigliamento sportivo con loghi e marchi d’impresa contraffatti.

Le indagini sono partite a seguito di vari sequestri di merce contraffatta effettuati da alcuni mesi in diversi comuni dell’Agro-nocerino. L’opificio, al centro di San Marzano sul Sarno, in passato era stato un negozio di abbigliamento e ufficialmente era stato chiuso.

Dietro le serrande, accuratamente abbassate, si celava però una vera e propria fabbrica di produzione di materiale sportivo contraffatto, con tanto di macchinari industriali (macchine cucitrici, ferri da stiro professionali per le stampe “a caldo”, banchi da lavoro, plotter per il disegno e la stampa, ecc.) per la lavorazione e il confezionamento di magliette, cappellini, sciarpe.

Al suo interno sono stati rinvenuti circa 5.000 articoli contraffatti delle più note squadre di calcio nazionali, in particolare del Napoli e della Salernitana, pronti a essere smerciati durante il periodo natalizio.

Sono stati rinvenuti e sequestrati anche diversi rotoli di tessuto ed etichette pronte a essere utilizzate.

L’intero locale commerciale è stato sottoposto a sequestro poiché in assenza di qualsiasi autorizzazione che giustificasse la presenza di macchinari industriali e solventi, anche pericolosi, per la lavorazione dei capi di abbigliamento.

Il responsabile, originario di San Marzano sul Sarno, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore e dovrà rispondere del reato di contraffazione. 

Lascia un Commento